Mostly Cloudy

16°C

Vibo Valentia

Mostly Cloudy

Humidity: 72%

  • Ultimo aggiornamento: 11 Luglio 2017, 17:19:52.

magris claudio

Claudio Magris, uno dei tre finalisti del premio Filadelfia. Gli altri sono Giuseppe Lupo e Lorenzo Marone

È la prima edizione, vuole essere ambiziosa e lo si desume dai finalisti. E promette di inserirsi nel circuito dei premi letterari di qualità nella provincia di Vibo Valentia e nel resto della Calabria.

Sabato 30 aprile alle ore 19 è in programma, presso l’auditorium comunale, la prima edizione del premio letterario “Città di Filadelfia”, una manifestazione patrocinata dall’amministrazione comunale di Filadelfia (sindaco Maurizio De Nisi e assessore alla Cultura Francesco Gugliotta) e dal Sistema bibliotecario vibonese diretto da Gilberto Floriani, da sempre in prima linea nella promozione del territorio e nell’organizzazione di grandi eventi culturali di respiro non localistico, con la direzione artistica affidata a Maria Teresa Marzano.

L’istituzione di questo premio muove dalla volontà di investire, nonostante la crisi sociale ed economica, in un evento culturale concreto e duraturo, nella consapevolezza che proprio dalla competenza con cui si portano avanti questi eventi si possa ripartire per creare una nuova prospettiva di sviluppo della Calabria.

La presenza di intellettuali di assoluto valore e di ospiti provenienti dal mondo delle istituzioni sarà l’occasione, tra l’altro, per ragionare sul presente e sul futuro delle politiche culturali della Calabria, fanalino di coda nella classifica nazionale dei consumi intellettuali.

Ecco i tre finalisti. Claudio Magris, uno dei massimi scrittori italiani contemporanei, segnalato più volte tra i candidati al Nobel per la Letteratura, germanista, collaboratore del Corriere della Sera, già vincitore del premio Bagutta e del Premio Strega, che presenterà “Non luogo a procedere” (Garzanti, 2015), uno dei libri più importanti dell’ultimo anno.

Giuseppe Lupo, scrittore lucano e docente universitario, vincitore del Premio selezione Campiello e del Premio Grinzane - Cavour, presenterà “L’albero delle stanze” (Marsilio, 2015).

Lorenzo Marone, napoletano, autore di “La tentazione di essere felici” (Longanesi, 2015) da cui il regista Gianni Amelio ha tratto la sceneggiatura del suo prossimo film; presenterà “La tristezza ha il sonno leggero” (Longanesi, 2016), tra i best sellers del 2016.

I libri sono stati selezionati da una commissione tecnico-scientifica i cui membri saranno presenti alla serata ed interverranno, tra l’altro,  per ragionare sulle motivazioni delle loro scelte; la commissione è composta da Luigi Lombardi Satriani; Vito Teti; Gilberto Floriani; Licia Bevilacqua; Francesca Viscone; Lionella Maria Morano; Eleonora Cannatelli.

La serata, condotta da Gianluca Veltri e Caterina Villì, vedrà la presenza del vicepresidente della giunta regionale Antonio Viscomi, e di Gregorio Aversa del polo museale della Calabria. Tra gli ospiti della serata anche la cantautrice Roberta Giallo, il soprano Marcella Carchedi con Davide Gugliotta, e l’attore Domenico Pantano.